CAPPATO: “DENUNCIATE AFFISSIONI ABUSIVE, GRAVE ATTO CONTRO LA DEMOCRAZIA”

Via Eritrea pl 125
COMUNALI, CAPPATO: “DENUNCIATE AFFISSIONI ABUSIVE, GRAVE ATTO CONTRO LA DEMOCRAZIA”
Milano, 23 maggio 2016
Sembrava andare tutto troppo liscio per essere così a ridosso delle elezioni e così questa mattina tanti milanesi non hanno più trovato i manifesti dei “Radicali con Cappato Sindaco” nello spazio a loro riservato, il numero 3 perché coperti da quelli di Sinistra x Milano con Sala.
“Oltre ad essere un grave atto contro la democrazia questo indica l’incapacità politica di chi, forse usando ancora la numerazione del primo sorteggio (antecedente alla riammissione di alcune liste), oscura la mia candidatura a sindaco e della lista dei radicali in mio appoggio già ampiamente nascosti all’opinione pubblica dai media.” dichiara Marco Cappato.
“Se questa lista vuole rappresentare la continuità con l’esperienza arancione di Pisapia di sicuro su una cosa sta seguendo le orme … l’abusivismo nell’attacchinaggio dei manifesti” dice Francesco Poirè, candidato al Consiglio Comunale e che giovedì 26 maggio avrà una nuova udienza per le denunce dei manifesti abusivi presentate negli scorsi anni.
“Oggi abbiamo fatto le prime denunce di manifesti abusivi, casualmente la copertura è degli spazi assegnati ai candidati sindaco e al consiglio comunali non appartenenti alle due coalizioni PD e PDL da parte degli partiti appartenenti a questi due blocchi e noi abbiamo denunciato il tutto a chi di competenza, non solo per la copertura dei nostri spazi” prosegue Francesco Poirè
Questo comportamento oltre ad essere scorretto è anche dannoso per la democrazia della nostra città e per il danno economico arrecato,
Invitiamo Sinistra per Milano a informare i suoi attacchinatori, cosa peraltro già fatta dagli organi ufficiali, che in base al nuovo sorteggio di venerdì u.s. la posizione a loro assegnata è la 17 e non la 3 che ora è dei Radicali con Cappato Sindaco.

Follow me!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
  • Facebook
  • twitter
  • Hatena

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *